Flop del 2015: i cinque prodotti che ho apprezzato meno

Ciao a tutti!

Dopo i top, è il momento di pensare ai flop. Se i prodotti di cui ho parlato in questo articolo mi hanno entusiasmata, i prodotti che seguono mi hanno davvero delusa. Il mio proposito per il 2016 è quindi quello di liberarmene (magari riciclandoli in qualche i,piego alternativo) e di non acquistarli mai più.

Quinto posto: Palette Eye Essential di Couleur Caramel

   

 Premetto che non si tratta di un prodotto proprio indecente, ma certo di una grande delusione sì.

Ho acquistato questa palette su internet appena è uscita perché davvero mi sembrava un sogno diventato realtà: una versione bio della famosa palette Naked di Urban Decay. Data un’occhiata all’INCI, ho visto che era eccezionale. Quando è arrivata, ero felice come una bambina: colori bellissimi e portabili, alcuni dei quali opachi, adatti a creare look naturali e portabili.

Al momento dell’utilizzo, però, ho scoperto  l’amara verità: i colori (fatta forse eccezione per il solo nero e un po’ per il verde oliva) non scrivono quasi per niente e pertanto, di fatto, l’unico look che riesci a creare è fin troppo naturale.

Per il prezzo che ho pagato (49,90 €) mi aspettavo decisamente di più.

Quarto posto per l’Addolcilabbra Alkemilla gusto cappuccino

  
 
Chi ha letto i miei precedenti post, sa che l’anno scorso ero entusiasta degli  Addolcilabbra di Alkemilla, che trovavo pratici, economici e con profumazioni molto particolari.

Ebbene, quest’anno la Alkemilla ha fatto uscire un sacco di nuove profumazioni, tutte invitantissime. Tra tutte, mi sono fatta tentare dal gusto Cappuccino. Tuttavia,msn dalla prima applicazione ho otto constatare che la formula è decisamente cambiata: molto più solida e meno scorrevole sulle labbra e in fin dei conti decisamente meno piacevole come consistenza.

In più, sin da subito ho avvertito uno strano pizzicorio alle labbra, che mi si sono presto spaccate. È vero, potrebbe essere solo una mia ipersensibilità a qualche componente, ma nel dubbio mi asterrò dal comprare ogni burrocacao della nuova collezione. Prezzo 2,90€
Medaglia di bronzo per il balsamo nutriente di Segreti di Natura

  
Niente da fare: questo balsamo non ha nulla che vada. Prima di tutto, la consistenza è contemporaneamente liquidità e scivolosa, difficilissima da distribuire sui capelli bagnati. Poi non c’è alcun potere districante: i capelli rimangono esattamente arruffati come prima, quindi in fondo a cosa serve? Infine, ha un odore tremendo, quasi rancido. Il prezzo non lo ricordo, ma in ogni caso è un prezzo che non pagherei mai di nuovo.

Bocciato!

Medaglia d’argento per il sapone mani e viso della Biolù

   
Promette di essere un sapone delicato e antibatterico, invece è super aggressivo sulla pelle: secca immediatamente qualsiasi zona entri in contatto con il prodotto. assolutamente da evitare, se non ci tenete ad avere mani morbide come quelle di Yuri Chechi.

Pensate che lo sto riciclando per il lavaggio della spugnetta che uso per il fondotinta e – indovinate un po’ – mi sta distruggendo pure quella.

Decisamente pessimo acquisto!
Primo posto in assoluto per lo sleek delle sopracciglia 

Questo non è un prodotto, ma un vero e proprio trattamento estetico per le sopracciglia (che ti applica l’estetista o la make up artist).

Ho deciso di provarlo perché, mentre ero intenta a fare acquisti in bioprofumeria, ho visto una donna che si stava sottoponendo a questo trattamento e alla fine aveva delle sopracciglia perfette. Mi sono dunque informata e ho appreso che il trattamento costava 50€ e durava dalle 2 alle 3 settimane. Nonostante il prezzo un po’ altino, mi sono detta: “Chi non vorrebbe delle sopracciglia piene e super definite?”. Bene, l’ho provato e…

1) l’applicazione dura più di un’ora;

2) richiede per la manutenzione accorgimenti assurdi (tipo non bagnare la zona per almeno 24 ore e non usare mai sulla stessa prodotti cremosi o oleosi);

3) la cosa peggiore è la durata: dopo la prima applicazione, ho potuto subito notare che la zona delle sopracciglia si era seccata tremendamente. Non potendo ingrassarla in alcun modo, ho atteso pazientemente. Risultato: dopo 4 giorni il prodotto usato è caduto letteralmente a pezzi, lasciando le sopracciglia in modo indecoroso. Ho contestato la cosa al negozio e mi è stato detto che in effetti il colore chiaro dava un po’ di problemi, soprattutto sulle pelli miste perché il primer adoperato secca molto la zona. Mi hanno fissato gratuitamente un nuovo appuntamento per ripetere il trattamento, questa volta senza primer. L’ho rifatto e dopo 3 giorni il trattamento era completamente svanito, come se si fosse sciolto. Insomma, una vera delusione.
Giusto per farvi capire, ecco il risultato dopo tre giorni:  

Bene, ecco i miei flop. Voi invece cosa avete provato che proprio non vi ha convinti? Fatemi sapere con un commento.

xxx

Didi

Annunci

7 thoughts on “Flop del 2015: i cinque prodotti che ho apprezzato meno

  1. Noooo, non mi dire così.. Cappuccino è proprio quello che voglio provare tra i nuovi proposti? Davvero hanno cambiato consistenza?! Perche la formulazione è la stessa, l’I.N.C.I. è assolutamente identico, l’unica cosa che è cambiata e

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...